Tracce NOTAV

 

Testimonianza raccolta il 24 agosto 2020 a Chiusa S.Michele

 

Mette subito le cose in chiaro Saveria: “Sono una terrorista notav”. Ma è difficile crederle. A meno di non seguire il suo racconto che inizia paragonando il TAV a un virus...

Nata a Torino vive in Val di Susa da più di trent’anni.
Conosce le montagne della valle quasi come il suo orto.
Ha fatto l’operaia alla Magnadyne che costruiva apparecchio radio e poi televisori e poi è finita come tante altre fabbriche nel vuoto.
Ha fatto attività sindacale in fabbrica e a Chiusa S.Michele, dove vive, è stata in consiglio comunale ed è stata assessora alla cultura e all’ambiente.
Dopo il disastro di Cernobyl ha risposto con slancio alla domanda di aiuto ospitando bambini nella sua casa.
E’ una notav della prima ora ed è sempre stata presente a tutte le iniziative. Ci tiene a chiarire che il fatto la sua casa si trova vicina alla ferrovia e la sua casa ha rischiato di essere abbattuto per far posto al tav è solo l’ultima delle ragioni della sua militanza: al primo posto l’ambiente, la salute e l’inutilità di un’opera spaccia per necessaria e urgente.
Nei presidi notav è stata una presenza costante, ha partecipato a decine di trasferte “militanti” in Italia, in Francia e a Strasburgo.
Guarda ai cambiamenti climatici con grande preoccupazione perché tocca con mano i danni che hanno già prodotto nella crescita delle piante, nella vita delle farfalle, nel ritiro dei ghiacciai, nell’innalzamento delle acque del mare...

 

Saveria è nata a Torino nel ‘43, oggi vive a Chiusa S.Michele

 

 

Altri video:

 

Maria
Maria
Franco
Franco
Saveria
Saveria
Gino
Gino
Marisa
Marisa
Celerina
Celerina
Remo
Remo
Laura
Laura
Italo
Italo
Le canzoni NO TAV
Le canzoni NO TAV
Titti
Titti
Ezio
Ezio
Mira
Mira