Tracce NOTAV

 

Testimonianza raccolta il 17 agosto 2020 a Thures

 

L’aria tersa della montagna, il rumore di fondo del torrente, una commemorazione partigiana hanno offerto lo spunto per il racconto di Maria

L’amore per la montagna ha portato Maria a uscire dalla città e trasferirsi in Val di Susa.
Il papà era operaio, la mamma ha vissuto l’emigrazione nel sud della Francia.
Gli zii erano andati a combattere i fascisti con i maquis francesi e i suo legami con la Resistenza sono forti ancora oggi.
I rifugi Alpini sono sempre stati la sua passione e per lungo tempo anche il suo lavoro.
Anche Maria si avvicina al movimento notav nel 2005 e, tiene a precisarlo, vi si è buttata “a capofitto” ed ha scoperto una comunità vera.
Si definisce una sognatrice, ricorda le iniziative di carattere culturale che nel movimento hanno sempre accompagnato i momenti di lotta, la Maddalena è un ricordo ancora vivo.
Essere militanti notav in alta valle non è facile, il contesto è in genere poco propenso a comprendere e partecipare. In alta valle il movimento notav si è particolarmente attivato per sostenere i migranti che cercano un futuro oltre confine, Maria fa la sua parte.
Guardando al domani si riaffaccia la sognatrice: la sua speranza è che per quella montagna che ama così tanto vi sia un futuro di cura e la devastazione dei cantieri diventi un ricordo

 

Maria è nata a Torino e oggi vive a Cesana Torinese

 

 

Altri video:

 

Celerina
Celerina
Saveria
Saveria
Le canzoni NO TAV
Le canzoni NO TAV
Franco
Franco
Ezio
Ezio
Italo
Italo
Gino
Gino
Titti
Titti
Marisa
Marisa
Remo
Remo
Mira
Mira
Laura
Laura
Maria
Maria