Ricevi la nostra newsletter?

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Il Controsservatorio Valsusa ha pubblicato un breve opuscolo in cui viene fatto il punto sullo stato di avanzamento del progetto TAV Torino-Lione alla luce degli ultimi eventi e all'indomani della ratifica da parte del Parlamento italiano dell'accordo intergovernativo Italia-Francia.
L'opuscolo, curato dal Comitato Scientifico del Controsservatorio Valsusa, fissa ciò che è stato fatto finora, ciò che è previsto dai progetti e ciò che rimane nelle intenzioni dei proponenti l'opera: un'analisi che richiama le ragioni tecniche di chi vi si oppone e contesta l'asserita irreversibilità di scelte tecniche/politiche e di accordi internazionali.

Ne risulta un quadro non nuovo in cui la strategia dei proponenti l'opera rimane oggi quella di sempre: la ricerca del “fatto compiuto” inteso come punto di non ritorno, al di là del quale, checché si dica, non si possa più cambiare strada.

Ma i fatti e l'esperienza dimostrano che nulla è irreversibile: nel caso della Torino-Lione siamo di fronte a un progetto ancora nella fase preparatoria e da cui si può – e si deve – tornare indietro.

Ecco Il punto sulla Torino-Lione: marzo 2017 in versione pdf